L’articolo analizza le caratteristiche giuridiche dei ticket sanitari. A questo scopo vengono innanzitutto esaminati i vari tipi di entrate pubbliche alla luce della giurisprudenza della Corte costituzionale. Si passa quindi alla ricostruzione della figura dei ticket sanitari, alla quale il legislatore non ha mai dedicato un’attenzione specifica, ma che è stata influenzata da interventi normativi numerosi e frammentari. Ciò porta ad escludere che i ticket abbiano natura fiscale e ad affermare che la loro disciplina è un elemento della disciplina dei livelli essenziali delle prestazioni, e ricade quindi tra le ipotesi di potestà legislativa statale esclusiva (art. 117, I, lett. m) Cost.)

 

This essay analyzes the legal features of health co-payments within the Italian National Health Service. First of all we discuss the different kinds of governments revenues in the relation to the case law of the Constitutional Court. Then we go through the various pieces of legislation concerning the co-payments. The Italian lawgivers have never enacted a coherent set of rules for this matter and the existing situation is the result of many and sometimes contrasting enactments. The analysis leads us to the conclusion that the Italian health co-payments are not fiscal revenues, but tools to affect the demand of health services. The corresponding rules are therefore rules concerning the basic healthcare levels and fall into the State exclusive legislative powers (art. 117, I, lett. m) Cost.).