L’articolo esamina l’attualità, per il processo costituzionale, della funzione del rinvio dell’art. 22, 1° c., l. n. 87/1953 al r.d. n. 642/1907, a seguito della abrogazione espressa, di quest’ultima fonte, da parte del codice del processo amministrativo. Nell’articolo si ricostruisce la radice storica di tale rinvio alle regole del processo amministrativo, si evidenziano le ragioni del fallimento della omogeneità presunta tra i due processi e si valorizza l’autonomia del processo costituzionale. Una conferma di tale tesi è desunta dalla giurisprudenza costituzionale successiva alla entrata in vigore del codice del processo amministrativo. L’Autore conclude con una proposta di soppressione del rinvio, nella direzione della codificazione del processo costituzionale. 

 

The paper concerns the relevance, on the current debate over the constitutional trial, of the reference’s function of the article 22, 1° c., l. n. 87/1953 to the r.d. n. 642/1907,  after this last act has been definitely repealed by the code of the administrative trial. The paper describes how the historical roots of this reference can be found in the rules of the administrative trial, and it points out the reasons of the failure of the presumed homogeneity between the two trials, and eventually it highlights the  independence of the constitutional trial from the administrative one. This interpretation is confirmed by the  analysis of the Constitutional Court’s Case-law  issued after the code of administrative trial entered into force. The author concludes the paper with a proposal for the abolition of the reference, in line with the codification of the constitutional trial.