Il contributo analizza l’incidenza del d.lgs. n. 235/2012 – recante il Testo Unico in tema di incandidabilità e di divieto di ricoprire cariche elettive e di governo in seguito a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi – sulle dinamiche della rappresentanza a livello locale e regionale, anche in riferimento ai casi di cronaca politica da cui sono scaturiti i più recenti sviluppi giurisprudenziali. Si tratta, difatti, di norme direttamente influenti sul diritto di partecipazione alla vita pubblica, sotto il profilo delle preclusioni all’esercizio dell’elettorato passivo. Si considerano le controverse questioni della natura giuridica degli istituti dell’incandidabilità, della sospensione e della decadenza di diritto, nonché la ratio complessiva della riforma, tesa ad impedire l’accesso o ad allontanare dallo svolgimento di incarichi politici locali i responsabili dei reati contemplati nel decreto, al fine di contrastare le infiltrazioni criminali nelle istituzioni locali e prevenire situazioni di illegalità diffusa nella pubblica amministrazione.     


This paper analyzes the impact of the legislative decree n. 235/2012 – containing the Unified Text about ineligibility and prohibition to hold elective and government positions as a result of final judgments of conviction for intentional crimes – on the dynamics of representation at local and regional level, also considering the political events which led to recent developments in case law. These are rules that directly affect the right to participation in public life, since they foreclose the exercise of the right to stand for elections. The essay analyzes the controversial issues about the legal nature of institution that prevents to stand as candidate, of the suspension and of the forfeiture from office, as well as the overall ratio of the reform, whose aim is to prevent access to or to expel from political office those responsible of the crimes described in the decree, in order to combat criminal infiltration in local institutions and prevent situations of lawlessness in the public administration.