rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

La nuova forma di governo della Provincia Autonoma di Trento

Visualizza

1. La revisione della forma di governo degli enti locali
Trent’anni fa la nuova rivista Quaderni costituzionali dedicava il suo primo numero al dibattito sulle riforme istituzionali sviluppatosi negli anni precedenti. Nel saggio di apertura di quel numero Valerio Onida si proponeva di tentare un primo indice dei fenomeni e dei processi che avevano caratterizzato gli sviluppi più recenti della forma di governo italiana; egli esaminava quindi l’attuazione dell’ordinamento regionale, il referendum, il ruolo del Presidente della Repubblica, il rapporto tra Governo e Parlamento, i decreti-legge, lo scioglimento anticipato delle Camere, il ruolo del Parlamento . L’ampia analisi svolta in quel saggio è stata sviluppata e aggiornata da Onida, dieci anni dopo, in altri due lavori che, insieme al primo, costituiscono tuttora imprescindibili basi di riferimento per lo studio dell’evoluzione della forma di governo in Italia .
In collegamento con i citati lavori di Onida si affronta qui il limitato tema della forma di governo, intesa in senso stretto, della Provincia autonoma di Trento. Si analizzano quindi il modo di scelta dei titolari dei massimi organi della Provincia e le relazioni fra loro intercorrenti dopo la l.c. 31 gennaio 2001, n. 2, approvata verso la fine della XIII legislatura a conclusione di un lungo procedimento parlamentare: alla sua origine si trovano, infatti, vari disegni di legge, uno dei quali presentato proprio il giorno di apertura della legislatura . In una prospettiva più ampia, la l.c. 2/2001 può considerarsi espressione di un indirizzo di riforma, tendente al rafforzamento degli esecutivi, che aveva animato da tempo il dibattito politico sul piano nazionale, già a partire dai lavori della commissione bicamerale per le riforme istituzionali istituita nella IX
 

NUMERO E ARGOMENTI:  
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Sandro Staiano
Direttori della Rivista AIC: Elisabetta Catelani - Claudio Panzera - Fabrizio Politi - Antonella Sciortino


ilmiositojoomla.it