rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

IL GIUDIZIO DINANZI ALLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI: UN NUOVO PROCESSO COSTITUZIONALE

Visualizza

Sommario: Premessa. - 1. La competenza della Corte di Strasburgo. - 2. La “compatibilità” con la Convenzione come condizione di ricevibilità ai sensi dell’art. 35 CEDU: la competenza ratione materiae. - 2.1. La competenza ratione loci e ratione temporis. - 2.2. La competenza ratione personae. - 2.3. Competenza della Corte EDU e diritto europeo (comunitario) in attesa dell’adesione alla CEDU dell’Unione europea. - 3. Le altre condizioni di ricevibilità: il previo esaurimento dei rimedi interni e la sussidiarietà della tutela dinanzi alla Corte di Strasburgo. – 3.1. Una nuova condizione di ricevibilità: l’assenza di un “pregiudizio importante”. 4. I provvedimenti cautelari (e i criteri di priorità per l’esame dei ricorsi). - 5. Come decide la Corte dei diritti: il contraddittorio (monco), la tipologia e la struttura delle pronunce. – 5.1. La motivazione e l’opinione dissenziente. - 5.2. I canoni ermeneutici adottati. - 5.3. Il cd. “margine di apprezzamento”. - 6. La portata e gli effetti delle pronunce di “condanna”. - 6.1. La “procedura di sentenza pilota” e la funzione oggettiva del giudizio. - 7. La Corte europea come giurisdizione costituzionale sovranazionale europea. - 8. A margine: la non “alternatività” tra il ricorso diretto interno e quello internazionale.

Premessa

Gli sviluppi interni al sistema del Consiglio d’Europa[1] cui abbiamo assistito nell’ultimo decennio, hanno finito con l’attrarre - potrebbe dirsi a pieno titolo - la Convenzione europea dei diritti dell’uomo e la Corte europea dei diritti nel solco del costituzionalismo moderno, facendone un oggetto privilegiato di riflessione da parte degli studiosi del diritto e della giustizia costituzionale e non solo, come è stato per lungo tempo, dei cultori del diritto internazionale[2].

L’attrazione della Corte dei diritti nella “categoria” delle Corti costituzionali è da tempo oggetto di discussione[1]; si è sollecitata una certa prudenza nell’assimilare la Corte europea ad una Corte costituzionale sia in ragione della diversa natura delle fonti che esse sono chiamate ad applicare (CEDU e Costituzione nazionale) sia del tipo di giudizio (il ricorso individuale da un lato, il controllo sulle leggi, la decisione dei conflitti di attribuzione tra poteri e tra enti, il ricorso diretto dall’altro), sottolineando come l’accostamento tra ricorso individuale alla Corte dei diritti e ricorso diretto alle Corti costituzionali si fondi su argomenti essenzialmente formali i quali, dunque, non dovrebbero considerarsi decisivi[2].

 
 

 

NUMERO E ARGOMENTI:  

Cerca nel sito

I siti AIC

Ultimo fascicolo

Rivista AIC Fascicolo 04 2021

Newsletter della Rivista AIC

Per ricevere periodicamente aggiornamenti sulle nostre novità.
Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Gaetano Silvestri
Direttori della Rivista AIC: Prof. Felice Giuffrè - Prof.ssa Elisabetta Lamarque - Prof. Alberto Lucarelli - Prof. Giovanni Tarli Barbieri


ilmiositojoomla.it