rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

Retroattività ed interpretazione autentica nel gioco del bilanciamento tra le Corti

Visualizza

 

L’articolo esamina l’impatto causato dalle teorie dell’interpretazione sul sindacato di legittimità delle disposizioni di portata retroattiva. L’Autore commenta in particolare la recente giurisprudenza della Corte costituzionale (ex plurimis le sentt. nn. 12 del 2018 e 174 del 2019) che ha introdotto un nuovo modello di scrutinio più attento alle peculiarità del caso concreto. L’esito si rivela convincente viste le differenze che separano l’uso della tecnica della retroattività rispetto all’interpretazione autentica e lascia intravedere una convergenza rispetto alla giurisprudenza della Corte EDU (ex multis Agrati e altri c. Italia, 7 giugno 2011 e Maggio c. Italia, 31 maggio 2011) da sempre più severa. Resta ad ogni modo aperto l’interrogativo circa la possibilità di un vero dialogo tra Corti in assenza di un vocabolario comune inerente all’ermeneutica costituzionale.

 

 

This article examines the impact of traditional and current doctrines of legal interpretation on the conception and legitimacy of retrospective legislation. In addition, it proposes a new analytical framework drawing a distinction between retroactivity, conceived as a legal technique, and the similar but not identical legal tool of authentic Interpretation.

Under the strict scrutiny set out in the Italian Constitutional Court’s decisions no. 12/2018 and 174/2019, it seems indeed that a difference in the approach should be accepted: instead of just focusing on the impact on the past of a retrospective legislation, this new method of argumentation emphasizes the context in which the law maker enacts the retrospective provision.

This attempt of the Court to reconcile the Italian judicial review of legislation with the more severe ECtHR case law (ex multis Agrati and others v. Italy, June 7, 2011 and Maggio v. Italy, May 31,2011) seems effective but also opens other questions concerning the possibility of a true judicial dialogue between Courts which do not share a common understanding of constitutional interpretation techniques.

 

NUMERO E ARGOMENTI:  
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Gaetano Silvestri
Direttori della Rivista AIC: Prof. Felice Giuffrè - Prof.ssa Elisabetta Lamarque - Prof. Alberto Lucarelli - Prof. Giovanni Tarli Barbieri


ilmiositojoomla.it