rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

LA LEGISLAZIONE REGIONALE ALLA PROVA DEI PIANI DI RIENTRO DAI DISAVANZI SANITARI: POSSIBILE LA RATIFICA, NON LA CONVERSIONE IN LEGGE, DEL PIANO

Visualizza

1. Premessa: i vincoli all’autonomia regionale derivanti dalla sottoscrizione di un piano di rientro per il risanamento dei disavanzi sanitari pregressi
Sono ormai numerosi i casi in cui la Corte costituzionale è stata chiamata a riflettere sul problema dei vincoli all’autonomia regionale derivanti dalla sottoscrizione di un piano di rientro finalizzato al risanamento dei disavanzi sanitari pregressi. Il tema, che occupa una posizione centrale nel quadro delle relazioni tra lo Stato e le Regioni ed interseca una pluralità di problematiche giuridiche – da quelle attinenti al rapporto tra la garanzia dei livelli essenziali di assistenza e l'efficienza nell'utilizzo delle risorse disponibili a quelle relative alla natura del piano di rientro e all'intervento dello Stato in via sostitutiva - ha, infatti, negli ultimi anni, reiteratamente sollecitato l'interesse del giudice costituzionale . La natura innovativa delle procedure di rientro introdotte dal legislatore statale e l'impatto potenzialmente molto invasivo che le medesime producono a carico delle ordinarie dinamiche di governo regionali hanno più volte reso necessario un intervento dipanatore della Consulta, finalizzato a ridefinire gli ambiti di azione dei soggetti coinvolti.
Al procedimento di rientro dai disavanzi sanitari risultano, infatti, sottesi due distinti interessi istituzionali, spesso tra loro contrapposti: da un lato, l'esigenza dello Stato di vedere tempestivamente risanati i deficit regionali e garantiti i livelli essenziali di assistenza; dall'altro lato, l'interesse delle Regioni a salvaguardare la propria autonomia politica in merito alla definizione delle scelte organizzative ed assistenziali che qualificano la presenza del servizio sanitario sul territorio . Si tratta, evidentemente, di interessi che la disciplina statale della procedura di rientro ha cercato di riconciliare, senza tuttavia poter prevenire l'insorgere di conflitti sulla delimitazione degli interventi affidati, rispettivamente, alle Regioni in disavanzo ed allo Stato.  

NUMERO E ARGOMENTI:  
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Gaetano Silvestri
Direttori della Rivista AIC: Prof. Felice Giuffrè - Prof.ssa Elisabetta Lamarque - Prof. Alberto Lucarelli - Prof. Giovanni Tarli Barbieri


ilmiositojoomla.it