rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

L’uso del decreto legge nella XVII legislatura

Visualizza

 

Quale ruolo ha assunto il decreto legge all’interno delle fonti normative negli ultimi anni? In questo articolo si esamina il ricorso a detto strumento nella XVII legislatura, tanto dal punto di vista del suo utilizzo quantitativo, quanto da quello qualitativo. Attraverso uno studio dei dati sulla produzione normativa ed unconfronto con le statistiche relative alle legislature precedenti, è stato possibile cogliere alcune tendenze in atto.

Mentre la quantità di decreti legge emanati rimane sostanzialmente costante, aumenta progressivamente l’ampiezza dei singoli provvedimenti, spesso caratterizzati da un alto livello di eterogeneità. Il numero e l’entità delle modifiche apportate dalle Camere in sede di conversione rimane estremamente elevato, in parziale contrasto con la tesi dell’uso della decretazione d’urgenza quale strumento, nella disponibilità dell’esecutivo, per ridimensionare il ruolo parlamentare nella produzione normativa. Anche il ricorso alla questione di fiducia in fase di conversione sembra essere dovuto più alla volontà di evitare il decorso del termine di decadenza che a quella di impedire l’approvazione di emendamenti.

Dall’analisi dei dati è stato possibile, dunque, ipotizzare che i decreti legge siano utilizzati in sostanziale fungibilità con un disegno di legge ordinario, e che tale scelta del Governo sia motivata primariamente dai vantaggi procedurali e di celerità garantiti dalla procedura di conversione del decreto.

 

The use of the Decree-Law during the 17th Legislature.

What is the role taken by the Degree-law in the rule-production system during the last years? In this article the use of this instrument has been analysed in both a quantitative and a qualitative way. The study was primarily based on data and statistics about the Law production in the latest legislatures. By this means it has been possible to identify some trends.

While the number of Degree-Laws keeps stable, their length keeps growing, as their complexity and heterogeneity.
During the procedure of conversion into law, the Parliament tends to make a large number of changes to the original text of the Degree-law, thus partially reappraising the thesis which identifiesthis procedure as used for reducing the Parliament’s role in Law-making procedures. In the same way, the demand for a vote of confidence during the procedure of conversion into law seems to be due to avoiding the 60-days term of decadence of the Degree-law rather than to limit the Parliament’s intervention.
The data analysis led to the conclusion that the current use of the Degree-law is often similar to the one of a draft law. The Government tends to opt for the Degree-law primarily for the procedural gains and the rapidity of the conversion into law, in comparison to the normal law-making procedure.

 

NUMERO E ARGOMENTI:  

Cerca nel sito

I siti AIC

Ultimo fascicolo

Rivista AIC Fascicolo 04 2018

Newsletter della Rivista AIC

Per ricevere periodicamente aggiornamenti sulle nostre novità.
Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Gaetano Silvestri
Direttori della Rivista AIC: Prof. Felice Giuffrè - Prof.ssa Elisabetta Lamarque - Prof. Alberto Lucarelli - Prof. Giovanni Tarli Barbieri


ilmiositojoomla.it