rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

IL GOVERNO "IN" PARLAMENTO: EVOLUZIONE STORICA E PROBLEMATICHE ATTUALI

Visualizza

SOMMARIO: 1. Premessa e finalità dello studio. - 2. L’evoluzione dei rapporti tra Parlamento e Governo nei regolamenti parlamentari: dai regolamenti del 1971 alle modifiche degli anni Ottanta. – 2.1. (Segue) Le riforme del biennio 1997-1999. Gli istituti previsti dai regolamenti parlamentari attualmente vigenti sono adeguati a consentire al Governo di attuare in Parlamento, entro tempi certi, il programma politico?- 3. Un banco di prova: il ricorso alla decretazione d’urgenza. - 3.1. Le ragioni politiche alla base della decisione di ricorrere alla decretazione d’urgenza. - 3.2. Il ricorso alla decretazione d’urgenza non è necessariamente finalizzato ad evitare il confronto parlamentare. – 3.3. Il ricorso al decreto-legge è piuttosto finalizzato a ottenere una decisione parlamentare in tempi rapidi. - 3.4. Il paradosso del ricorso alla questione di fiducia sul disegno di legge di conversione del decreto-legge. - 3.5. Le conseguenze negative dell’abuso della decretazione d’urgenza sulla qualità della legislazione. – 4. Quali rimedi? L’efficacia del sindacato degli organi di controllo. - 4.1. La Corte costituzionale. – 4.2 Il Presidente della Repubblica. - 5. Un’altra soluzione: intervenire nuovamente sui regolamenti parlamentari.


1. Premessa e finalità dello studio

L’ultimo comma dell’art. 64 della Costituzione dispone che “I membri del Governo, anche se non fanno parte delle Camere, hanno diritto, e se richiesti l’obbligo, di assistere alle sedute” e che “Devono essere sentiti ogni volta che lo richiedono”. La presenza e la partecipazione attiva del Governo ai lavori del Parlamento costituisce una condizione essenziale perché i due organi, legati da rapporto di fiducia, attuino l’indirizzo politico. A ragione si sostiene, dunque, che la disposizione debba essere letta a sistema con l’art. 94 Cost., e che tramite essa la Costituzione abbia individuato le aule parlamentari quale sede privilegiata del coordinamento tra potere legislativo e potere esecutivo , attraverso la “riaffermazione del vincolo di base che li lega: la fiducia e il programma su cui la fiducia è innestata” .
 

NUMERO E ARGOMENTI:  
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Gaetano Silvestri
Direttori della Rivista AIC: Prof. Felice Giuffrè - Prof.ssa Elisabetta Lamarque - Prof. Alberto Lucarelli - Prof. Giovanni Tarli Barbieri


ilmiositojoomla.it