rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO TRA FLESSIBILITÀ E SICUREZZA: COME CAMBIA LA TUTELA GIURIDICA DEL LAVORATORE NELLA LEGGE 28 GIUGNO 2012 N. 92

Visualizza

1)Premessa: il quadro normativo di riferimento 2) Il progetto di riforma in discussione 3)Misure per la flessibilità in entrata 4)Misure per la flessibilità in uscita 5)Ammortizzatori sociali 6) Riflessioni conclusive: come cambia la tutela del lavoratore, dal lavoro al mercato.1. Premessa: il quadro normativo di riferimentoLa riforma del mercato del lavoro contenuta nella legge n. 92/2012 “Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita” rappresenta una delle leve che il Governo in carica intende muovere per far ripartire l’economia italiana, attualmente in fase recessiva a seguito della crisi economica e finanziaria del 2008. Nelle intenzioni dei suoi proponenti, infatti, l’introduzione di una serie di disposizioni normative volte a rendere il sistema produttivo in grado di “adattarsi rapidamente a cicli economici e a fenomeni competitivi dai ritmi molto più veloci di un tempo”, consentirebbe all’economia italiana di “realizzare un mercato del lavoro dinamico e inclusivo, idoneo a contribuire alla crescita e alla creazione di occupazione di qualità” . D’altro canto, la riforma si propone di intervenire sul sistema vigente degli ammortizzatori sociali, al fine di eliminare quei differenziali di accesso agli istituti di tutela più volte denunciati da diversa dottrina e di garantire una protezione sociale adeguata a coloro che sperimentano una situazione di perdurante disoccupazione e di precarietà sociale . Come dimostrano alcuni dati statistici, la recente crisi economica e finanziaria ha condotto la regolazione del mercato del lavoro italiano a una drammatica verifica: la flessibilità nei rapporti di lavoro si è progressivamente tradotta in una generale instabilità economica e sociale dei lavoratori .
NUMERO E ARGOMENTI:  
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Sandro Staiano
Direttori della Rivista AIC: Elisabetta Catelani - Claudio Panzera - Fabrizio Politi - Antonella Sciortino


ilmiositojoomla.it