rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

Vyshinsky, l’unità del potere e l’onnipotenza della volontà politica nella teoria dello Stato sovietico

Visualizza

L’Autore ricostruisce la concezione di legalità rivoluzionaria del giovane Marx, quando, di fronte ai giurati di Colonia, li esorta a disapplicare le leggi vigenti perché ormai superate dallo sviluppo sociale, invitandoli a “frapporsi” tra il legislatore e i cittadini. La concezione marxiana era quindi prettamente oggettivista e funzionalista e si poneva agli antipodi di ogni tipo di volontarismo o di imperativismo.

La dottrina giuridica sovietica si è dibattuta a lungo con questo dilemma, che si rifletteva peraltro sul tema centrale dell’estinzione dello Stato. Quest’ultima non solo non si verificò, ma Stalin (seguito da Vyshinsky) utilizzò rozzamente la dialettica per sostenere che l’estinzione dello Stato era favorita e accelerata dal suo rafforzamento dittatoriale.

In realtà, la stessa Rivoluzione di ottobre era stata una forzatura volontaristica, che aveva portato allo scioglimento dell’Assemblea Costituente. La concezione volontaristica finisce per accostarsi significativamente alla teoria normativistica di Kelsen. Entrambe le impostazioni teoriche si pongono in contrasto con il costituzionalismo contemporaneo, con il suo sviluppo dell’ordinamento secondo valori-princìpi, la cui attuazione viene affidata alla storia ed alle azioni future dei popoli e delle istituzioni, una volta compiute le scelte di fondo che contrassegnano intere epoche storiche e che attendono di essere attuate in esito ad accurate operazioni di bilanciamento nella cornice fondamentale del pluralismo politico ed istituzionale.

Parole chiave: unità del potere; legalità rivoluzionaria; volontà politica; dottrina giuridica sovietica; Stato comunista

 

Vyshinsky, the unity of power and the omnipotence of political will in the theory of the Soviet State

The Author reconstructs the concept of revolutionary legality of the young Marx, when, in front of the jurors of Cologne, he exhorts them to disapprove of the laws in force because they have been overtaken by social development, inviting them to “stand between” the legislator and the citizens. The Marxian conception was therefore purely objectivist and functionalist and placed itself at the antipodes of any type of voluntarism or imperative.

Soviet legal doctrine has long debated this dilemma, which was reflected in the central theme of the extinction of the state. The latter not only did not occur, but Stalin (followed by Vyshinsky) crudely used dialectics to argue that the extinction of the state was favoured and accelerated by its dictatorial strengthening.

The October Revolution itself was a voluntary forcing, which had led to the dissolution of the Constituent Assembly. The voluntarist conception ends up significantly approaching the normative theory of Kelsen. Both theoretical approaches are in contrast with contemporary constitutionalism, with its development of the order according to values-principles, the implementation of which is entrusted to the history and future actions of peoples and institutions, once the basic choices have been made that mark entire historical periods and that await to be implemented because of careful balancing operations in the fundamental framework of political and institutional pluralism.

Keywords: unity of power; revolutionary legality; political will; Soviet legal doctrine; communist State

 

NUMERO E ARGOMENTI:  
banner giappichelli
banner
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Sandro Staiano
Direttori della Rivista AIC: Elisabetta Catelani - Claudio Panzera - Fabrizio Politi - Antonella Sciortino


ilmiositojoomla.it