rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

Riflessioni a margine delle raccomandazioni SIAARTI per l’emergenza Covid-19, fra triage, possibili discriminazioni e vecchie DAT: verso una rinnovata sensibilità per il diritto alla vita?

Visualizza

 

L’articolo analizza le Raccomandazioni SIAARTI (Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia intensiva) per l’emergenza Covid-19 - che hanno individuato alcuni criteri per l’assegnazione delle risorse mediche insufficienti a fronte dell’afflusso di massa dei pazienti - alla luce dei principi costituzionali e dei quattro classici principi di bioetica: beneficenza, non maleficenza, rispetto dell’autonomia e giustizia. L’Autrice sottolinea l’importanza di contestualizzare le Raccomandazioni e considera, in relazione al principio di autonomia, il problema delle DAT (Disposizioni Anticipate di Trattamento) nel contesto emergenziale, anche in riferimento al recente regolamento del Ministero della Salute sulla relativa banca dati. L’Autrice analizza inoltre, alla luce degli altri principi, il criterio di appropriatezza clinica, affrontando il problema della selezione degli accessi ai dispositivi medici salvavita e delle possibili discriminazioni, in particolare legate all’età e alla disabilità. Vengono inoltre esaminati, anche in prospettiva comparata, altri documenti di carattere clinico e di carattere bioetico, in particolare il recente parere del CNB (Comitato Nazionale di Bioetica). Nelle conclusioni l’Autrice riflette sulla rinnovata sensibilità per il diritto alla vita e per le possibili discriminazioni, suscitata dalla discussione intorno alle Raccomandazioni, anche in riferimento alle teorie che postulano l’esistenza di vite indegne di essere vissute.

 

 

The article analyzes the SIAARTI (Italian Society of Anesthesia, Analgesia, Intensive Care) Recommendations for the Covid-19 emergency - which identified some criteria for the allocation of insufficient medical resources in a mass influx situation - in the light of the constitutional principles and the four principles of health care ethics: beneficence, non-maleficence, autonomy and justice. The Author underlines the importance of contextualizing the Recommendations and considers, in relation to the principle of autonomy, the problem of DAT (Health Advance Directives) in the emergency context, also with reference to the recent Ministry of Health Regulation on the relevant database. The Author also analyzes, in light of the other principles, the criterion of clinical appropriateness, addressing the problem of selecting accesses to life-saving medical devices and possible discrimination, in particular related to age and disability. Other clinical and bioethical documents are examined, in a comparative perspective, taking in account in particular the recent Opinion of the CNB (National Bioethics Committee). In the conclusions the Author reflects on the renewed awareness of the right to life and protections against discrimination produced by the discussion around the Recommendations, also in reference to the theories which postulate the existence of lives unworthy of being live.

NUMERO E ARGOMENTI:  
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Gaetano Silvestri
Direttori della Rivista AIC: Prof. Felice Giuffrè - Prof.ssa Elisabetta Lamarque - Prof. Alberto Lucarelli - Prof. Giovanni Tarli Barbieri


ilmiositojoomla.it