rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

Mutamenti della forma di governo e integrazione europea. Gli influssi sulle istituzioni e sul formante patriarcale

Visualizza

Il saggio si articola in due parti. Nella prima si analizzano gli impatti dell’integrazione europea sugli organi Governo, Parlamento e Presidente della Repubblica e sul sistema dei partiti. Il dato principale che emerge da tale analisi è una tendenza alla europeizzazione delle decisioni politiche, che vede accentuarsi un indirizzo politico europeo. All’interno di tale quadro, gli attori della forma di governo nazionale vedono ridisegnarsi i loro ruoli con esiti diversi a seconda che si adotti una prospettiva interna – in cui il Governo risulta rafforzato – o esterna dalla quale il Governo risulta complessivamente indebolito a causa dei vincoli alla sua capacità di determinazione dell’indirizzo politico.

Una seconda parte del saggio si concentra su come l’integrazione europea abbia influito sul formante patriarcale italiano, inteso in due accezioni: patriarcato come gerarchia di una personalità forte al comando e patriarcato come subordinazione sistemica delle donne nella politica. Sul primo versante l’UE ha avuto un impatto ambivalente, da un lato rafforzando la convinzione che serva un leader forte per prendere decisioni rapide, dall’altro proponendo essa stessa una forma di governo che è collegiale. Sul versante dell’inclusione delle donne nelle dinamiche della forma di governo, il ruolo della UE è stato cruciale per mettere in luce alcuni aspetti ancora patriarcali della cultura politica italiana. Il dato principale che emerge da questa seconda parte del saggio è che l’attuale forma di governo costituzionale contiene un interessante esperimento anti-gerarchico che andrebbe capitalizzato anziché sostituito con una versione recente di “patriarcato politico”. Dopo che la Costituzione ha superato secoli di pensiero politico basato sull’idea del Pater patriae, del Leviatano, del Principe, del Sovrano, del Fuhrer, Dux e Caudillo, sostituire la sua forma di governo con un cancellierato, premierato o presidenzialismo sembra un passo indietro rispetto al suo esperimento di una forma di governo basata sulla concertazione.

Parole chiave: integrazione europea, forma di governo, formante, patriarcato, donne e politica

 

Changes in the Italian form of government and European integration. The influences on institutions and the patriarchal formant

The essay is divided into two parts. The first part analyses the impacts of European integration on the Government, Parliament, President of the Republic, and the party- system. The main data that emerges from this analysis is a tendency towards the Europeanisation of political decisions, which sees an accentuation of a European political direction. Within this framework, the actors of the Italian form of government see their roles redesigned with different outcomes depending on whether we adopt an internal perspective - in which the Government is strengthened - or an external one from which the Government is overall weakened due to the constraints on its ability to determine political direction.

A second part of the essay focuses on how European integration has influenced the Italian patriarchal formant understood in two meanings: patriarchy as the hierarchy of a strong personality in command and patriarchy as the systemic subordination of women in politics. On the first side, the EU has had an ambivalent impact, on the one hand reinforcing the belief that a strong leader is needed to make quick decisions, and on the other by itself proposing a form of government that is collegial. In terms of the inclusion of women in the dynamics of the form of government, the role of the EU has been crucial in highlighting some existing patriarchal aspects of Italian political culture. The main fact that emerges from this second part of the essay is that the current constitutional form of government contains an interesting anti-hierarchical experiment that should be capitalized rather than replaced with a recent version of political patriarchy. After the Constitution has overcome centuries of political thought based on the idea of the Pater patriae, the Leviathan, the Prince, the King, the Fuhrer, Dux and Caudillo, replacing its form of government with a chancellorship, premiership or presidentialism would be a step backwards compared to its experiment of a form of government based on concertation.

Keywords: European integration, form of government, formant, patriarchy, women and politics

 

banner giappichelli
banner
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Sandro Staiano
Direttori della Rivista AIC: Elisabetta Catelani - Claudio Panzera - Fabrizio Politi - Antonella Sciortino


ilmiositojoomla.it