rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

OLTRE I CONFINI DELL’INTERPRETAZIONE COSTITUZIONALMENTE CONFORME? A PROPOSITO DELLA PRONUNCIA DELLA CASSAZIONE SULLA PRESUNZIONE DI ADEGUATEZZA DELLA CUSTODIA CAUTELARE IN CARCERE PER IL DELITTO DI VIOLENZA SESSUALE DI GRUPPO

Visualizza

Sommario: 1. Posizione del problema dei limiti dell’interpretazione conforme a Costituzione, riguardato alla luce di una recente pronuncia della Cassazione – 2. La pronuncia della Cassazione sull’automatismo della custodia carceraria per il delitto di violenza sessuale di gruppo – 2. 1. Le «prime letture» della decisione. A) La prospettiva «giustificazionista» – 2.2. (Segue): B) La prospettiva «antagonista» – 2.3. Ulteriori argomenti «giurisprudenziali» a sostegno della prospettiva «giustificazionista» – 2.4. Uno specifico, ulteriore, argomento «giurisprudenziale», all’apparenza favorevole alla tesi «antagonista» – 2.5. Un sopravvenuto argomento «giurisprudenziale» spendibile in prospettiva «antagonista» – 3. Analogia, interpretazione sistematica o abuso dei poteri interpretativi? I confini dell’interpretazione costituzionalmente conforme


1.Posizione del problema dei limiti dell’interpretazione conforme a Costituzione, riguardato alla luce di una recente pronuncia della Cassazione
Il tema dell’interpretazione costituzionalmente conforme è soltanto apparentemente «nuovo», essendo stato inquadrato assai bene, tra gli altri, già da Vezio Crisafulli, Carlo Esposito e Carlo Lavagna all’indomani dell’entrata in funzione della Corte costituzionale .
La presunta novità sta nelle implicazioni giurisprudenziali del consolidarsi del canone dell’interpretazione conforme a Costituzione, peraltro già delineate nell’importante sent. n. 356 del 1996 della Corte costituzionale, ove è compreso il noto passo che recita: «le leggi non si dichiarano costituzionalmente illegittime perché è possibile darne interpretazioni incostituzionali (e qualche giudice ritenga di darne), ma perché è impossibile darne interpretazioni costituzionali». Più che impossibile, sarebbe stato meglio dire difficile, improbabile . Ma tant’è: se è possibile dare alla disposizione un significato costituzionalmente conforme, questa è l’interpretazione che il giudice deve immediatamente preferire.
Il problema è: entro quali limiti? Fino a qual punto è possibile allontanarsi dalla lettera per evitare di trarre dalla stessa un significato – e quindi una norma – incostituzionale? E, poi, per quale motivo si deve andare alla ricerca della norma conforme a Costituzione, anziché eliminare dal sistema, tramite l’intervento della Corte, il significato incostituzionale?
 

NUMERO E ARGOMENTI:  

Cerca nel sito

I siti AIC

Ultimo fascicolo

Rivista AIC Fascicolo 04 2018

Newsletter della Rivista AIC

Per ricevere periodicamente aggiornamenti sulle nostre novità.
Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Gaetano Silvestri
Direttori della Rivista AIC: Prof. Felice Giuffrè - Prof.ssa Elisabetta Lamarque - Prof. Alberto Lucarelli - Prof. Giovanni Tarli Barbieri


ilmiositojoomla.it