rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

LE ESTERNAZIONI PRESIDENZIALI

Visualizza

Sommario: 1. Le esternazioni presidenziali: un “fenomeno” di indubbia effettività costituzionale. 2. Un preliminare (ed obbligatorio) esame delle posizioni dottrinali. 3. La teorizzazione del potere di esternazione. 4. I problemi irrisolti di tale ricostruzione. 5. Potere di esternazione e responsabilità presidenziale. La sentenza della Corte costituzionale n. 154 del 2004: un’occasione mancata 6. Il potere di esternazione e le sue diverse manifestazioni. 6a. le esternazioni  formali previste dagli artt. 74 e 87, primo comma, della Costituzione. 6b. I discorsi, le interviste e gli interventi informali. 6c. L’uso dei comunicati. I comunicati emessi all’atto dell’emanazione degli atti del Governo o della promulgazione delle leggi .6d . Le lettere inviate dal Capo dello Stato agli organi istituzionali. 7. La promulgazione con “motivazione contraria”. 8. Riflessioni conclusive.

 

1. Fra i poteri e le attività che si riconducono all’organo presidenziale, l’uso delle esternazioni è certo quella  che più ha suscitato incertezze e problemi.

    L’uso delle esternazioni, infatti, non previsto testualmente nella nostra Costituzione, si è venuto affermando nella prassi che, a partire dalla presidenza Gronchi, si è caratterizzata per lo sviluppo di un’ampia gamma di interventi a contenuto dichiaratamente politico che, posti in essere dal Capo dello Stato nelle più diverse modalità e circostanze, apparvero subito difficilmente collocabili nello stretto ambito nel quale i nostri Costituenti avevano formalmente relegato la libertà di manifestazione del pensiero presidenziale.

  La prassi instaurata  dal supremo organo di vertice di esprimere pubblicamente il proprio pensiero ha, come sappiamo, assunto un tale rilievo da non poter essere ignorata.

    Essa ha suscitato così l’interesse di quegli autori che, non  indifferenti a manifestazioni di indubbia “effettività costituzionale”, si sono, loro malgrado, piegati alla forza delle cose, cercando  

 di riportare nel sicuro alveo delle ricostruzioni dogmatiche profili ed aspetti della realtà istituzionale che fuoriuscivano da ogni riferimento formale.

   La gran parte di tali autori, ignorate le preoccupate annotazioni di chi denunciava i pericoli di comportamenti che apparivano in evidente contrasto con la logica del nostro sistema parlamentare,  si è subito confrontata intorno alle più diverse ipotesi ricostruttive, le quali, più che ostacolare, hanno finito per favorire lo sviluppo delle esternazioni presidenziali.

 

 

 

NUMERO E ARGOMENTI:  
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Gaetano Silvestri
Direttori della Rivista AIC: Prof. Felice Giuffrè - Prof.ssa Elisabetta Lamarque - Prof. Alberto Lucarelli - Prof. Giovanni Tarli Barbieri


ilmiositojoomla.it