rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

L’UNGHERIA E LA NUOVA COSTITUZIONE CHE PREOCCUPA L’EUROPA

Visualizza

 

Il 25 aprile 2011 il Presidente della Repubblica ungherese, Pál Schmitt, ha promulgato la nuova costituzione: il testo fondamentale, composto da 105 articoli e licenziato dall’Assemblea Nazionale il 18 aprile 2011, è entrato in vigore il 1° gennaio 2012, tra le proteste della società civile e le forti perplessità espresse dalle istituzioni europee e internazionali .
Per comprendere il clima, per certi versi ostile, in cui la nuova costituzione magiara ha esordito, occorre, inevitabilmente, prendere le mosse dalla sua genesi .
È noto che, dopo la fine del regime comunista, l’Ungheria è stato l’unico Paese che – a parte un fallimentare tentativo nel 1996 – non ha provveduto a dotarsi di un nuovo testo fondamentale: la costituzione in vigore fino al 31 dicembre 2011, infatti, risaliva al 1949 ed era il frutto del regime totalitario comunista, al potere fino al 1989 .

 

 

 

NUMERO E ARGOMENTI:  

Cerca nel sito

I siti AIC

Ultimo fascicolo

Rivista AIC Fascicolo 04 2018

Newsletter della Rivista AIC

Per ricevere periodicamente aggiornamenti sulle nostre novità.
Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Gaetano Silvestri
Direttori della Rivista AIC: Prof. Felice Giuffrè - Prof.ssa Elisabetta Lamarque - Prof. Alberto Lucarelli - Prof. Giovanni Tarli Barbieri


ilmiositojoomla.it