rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

Le ripetute fasi del rimpasto politico del IV Governo Berlusconi nel corso della XVI legislatura

Visualizza

Le variazioni nella compagine governativa dal maggio 2010 al maggio 2011

La cronaca del terzo anno di legislatura, con specifico riguardo alle variazioni intercorse nella composizione dell’Esecutivo in carica, si chiude, nel mese di maggio 2011, con la parziale realizzazione di quel rimpasto politico che lo stesso Presidente del Consiglio aveva annunciato alla Camera dei deputati il 13 dicembre 2010, durante la discussione sulla mozione di sfiducia poi respinta dall’Assemblea: «A tutti i moderati di questo Parlamento propongo […] un patto di legislatura per garantire coerenza e continuità con il programma elettorale e con le scelte che abbiamo condiviso, rinnovando quel che c’è da rinnovare nel programma e anche nella compagine di Governo» .
Deve anzitutto evidenziarsi che nei tre mesi successivi a quella data e precisamente sino al 23 marzo 2011 non aveva luogo alcuna significativa modifica nell’organico dell’Esecutivo, sebbene vi fossero già da alcuni mesi diversi incarichi “vacanti”, anche per via delle dimissioni degli esponenti di FLI. Circostanza, questa, certamente degna di nota, se si considera che, proprio nelle more del rimpasto, il Governo superava alcune prove parlamentari piuttosto impegnative (oltre ovviamente a ottenere la conferma della fiducia il 14 dicembre presso ambedue i rami del Parlamento) avvalendosi del contributo determinante di quei «moderati» esterni alla coalizione cui presumibilmente si riferiva il Presidente del Consiglio nell’intervento poc’anzi citato.
All’analisi della prima fase del rimpasto politico, che veniva appunto portata a compimento il 23 marzo 2011, è necessario premettere una breve descrizione di quanto era accaduto nei mesi precedenti con riferimento alle modifiche intervenute nell’Esecutivo. Analizzando, infatti, tutte le variazioni della compagine governativa succedutesi nel più ampio arco temporale del terzo anno di questa XVI legislatura (all’incirca dalla metà del mese di maggio 2010 sino a oggi), è facile costatare che soltanto alcune di esse possono essere ricondotte alla casistica del cosiddetto «rimpasto per ragioni politiche»
 

NUMERO E ARGOMENTI:  
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Gaetano Silvestri
Direttori della Rivista AIC: Prof. Felice Giuffrè - Prof.ssa Elisabetta Lamarque - Prof. Alberto Lucarelli - Prof. Giovanni Tarli Barbieri


ilmiositojoomla.it