rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

LA DECRETAZIONE D’URGENZA ALLA LUCE DELLA VICENDA DELL’ABOLIZIONE DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO DEI PARTITI. BREVI NOTE A MARGINE DEL PROCEDIMENTO DI CONVERSIONE DEL DECRETO-LEGGE N. 149/2013.

Visualizza

Il saggio esamina alcuni aspetti critici del decreto n.149/2013 sull’abolizione del finanziamento pubblico dei partiti, sia sotto il profilo del metodo con il quale si è intervenuti in detta materia, sia con riferimento al merito di alcune delle scelte operate nel decreto-legge in parola. Nella prima parte si analizza, dunque, il D.L. n. 149 del 2013 (e il relativo procedimento di conversione, ancora in itinere) in rapporto all’attuale prassi in materia di decretazione d’urgenza; nella seconda si esamina la disciplina dei requisiti per l’ammissione dei soggetti politici alla ripartizione del gettito derivante dal c.d. ‘due per mille’. Nell’ultima parte del saggio ci si interroga sulla legittimità costituzionale, sotto i distinti profili del metodo e del merito, del decreto in parola (e della prassi che esso incarna), sostenendosi che tale fonte rappresenta ormai uno strumento in mano al Governo per l’orientamento e il controllo delle dinamiche parlamentari.

 

The essay examines some critical aspects of the decree n.149/2013 on the abolition of public financing of political parties, both in terms of the method by which action was taken in that matter, and with regard to the merit of some of the choices made in this decree-law. The first part analyzes, therefore, the D.L. n. 149 of 2013 (and its conversion process, still in progress) in relation to the current practice in the field of emergency decrees, in the second one examines the discipline of the requirements for the admission of political parties to the allocation of the revenue from ‘due per mille' taxation . In the last part of the essay questions are being raised about the constitutionality, under the distinct profiles of the method and of merit, of the decree in question (and the practice that it embodies), arguing that this kind of acts has now become a tool in the hands of Government for the guidance and monitoring of the dynamics of Parliament.

NUMERO E ARGOMENTI:  
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Gaetano Silvestri
Direttori della Rivista AIC: Prof. Felice Giuffrè - Prof.ssa Elisabetta Lamarque - Prof. Alberto Lucarelli - Prof. Giovanni Tarli Barbieri


ilmiositojoomla.it