rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

OLTRE LE “FORME DI GOVERNO”. APPUNTI IN TEMA DI “ASSETTI DI ORGANIZZAZIONE COSTITUZIONALE” DELL’UNIONE EUROPEA

Visualizza

Nella tradizione dogmatica italiana, l’espressione “forma di governo” indica il complesso di regole relative alla allocazione dei poteri fra i diversi rami dell’apparato organizzativo statale e, più in generale, i rapporti fra tali organi. In che misura tale categoria appare idonea ad essere applicata al contesto dell’Unione europea? È possibile includere l’Unione europea fra le “forme” di governo parlamentari? Oppure la U.E. sta diventando più simile allo schema di un “separation of power system” sul modello della “democrazia composita” statunitense?
Alla luce del dibattito sul “problema dei concetti” nel diritto costituzionale europeo, il contributo si propone di invertire la prospettiva di analisi che fa da sfondo a queste domande. Secondo la tesi che si intende sostenere, non necessariamente è l’assetto istituzionale della U.E. a dover essere ripensato sulla base delle “vecchie” categorie costituzionalistiche di origine statuale, ma semmai è l’apparato concettuale degli stati membri ad incontrare nel processo di integrazione uno straordinario e decisivo fattore di attualizzazione.

 

In the Italian legal tradition, the notion  of “forms of government” (“forme di governo”) refers to the set of rules concerning the distribution of power among the branches of government and, more in general, to the relationships between the constitutional bodies. To what extent is this notion applicable to the European Union? In other words, is the EU a parliamentary system of government? Or is the EU more similar to the “separation of power system” exemplified by the model of “compound democracy” of the United States?
In the light of the discussion about the “problem of the concepts” in the European constitutional law, the aim of the paper is to overturn this methodological perspective. In this framework, it is argued that it is not necessary to rethink the institutional structure of the EU on the basis of the “old” domestic categories. But rather, the conceptual background of the member states meets in the integration process an important and decisive factor of bringing-up-to date.

NUMERO E ARGOMENTI:  
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Gaetano Silvestri
Direttori della Rivista AIC: Prof. Felice Giuffrè - Prof.ssa Elisabetta Lamarque - Prof. Alberto Lucarelli - Prof. Giovanni Tarli Barbieri


ilmiositojoomla.it