rivista AIC pittogrammarivista AIC logo

FORME COSTITUZIONALI DELLA STORIA UNITARIA: MONARCHIA E REPUBBLICA

Visualizza

Sommario: 1. Monarchia e repubblica tra forma di stato e forma di governo – 2. La monarchia liberale - 2.1. Una costellazione di principi: indipendenza, unità, principio nazionale, liberalismo - 2.2.Un sistema dualistico: principio monarchico e principio rappresentativo - 2.3. La supremazia della corona - 2.4. Il “credo” monarchico e le sue deficienze storiche - 3. La monarchia fascista – 3.1. La “rottura” fascista e lo stato totalitario – 3.2. Continuità monarchica e “regime del capo del governo” – 3.3. Il credo fascista – 4. La repubblica democratica – 4.1. Lo “stato costituzionale” e la forma repubblicana - 4.2. Il ruolo del Capo dello stato –4.3. Un “credo repubblicano” – 4.4. Forza e debolezze della Repubblica - 5. La discontinuità repubblicana.

Nel lessico costituzionale monarchia e repubblica hanno variato fortemente di significato dall’antichità classica ai nostri giorni trasmigrando dal campo teorico della forma di stato a quello della forma di governo a quello della configurazione della carica di capo dello stato, senza peraltro che si siano mai perduti del tutto i nessi fra i tre campi. Poiché dunque non esistono nella storia forme “pure” ma solo “tipi storici” tra loro diversi sia di monarchie che di repubbliche, la comparazione tra i due termini nella storia dell’Italia unita deve fondarsi sull’analisi delle forme statali in essa susseguitesi - la monarchia liberale, la monarchia fascista e la repubblica democratica - esaminandole ai tre livelli della forma di stato, della forma di governo e della configurazione del vertice istituzionale. Fra le tre fasi sussistono continuità numerose che però non sminuiscono le fondamentali differenze e discontinuità che le caratterizzano. La monarchia liberale, artefice dell’unità nazionale assieme alla classe dirigente promotrice del liberalismo, in quanto “monarchia rappresentativa” è una forma di stato dualistica a cui corrisponde una forma di governo parimenti dualistica nella quale, malgrado l’evoluzione in senso parlamentare, il re mantiene un ruolo di indirizzo politico in rapporto dialettico col ruolo del parlamento e d’un governo legato alla fiducia del parlamento. Il “credo” monarchico, pur caratterizzato da molte deficienze, permea la società di memorie e progetti dinastico-oligarchici. Con la monarchia fascista si instaura uno stato totalitario che annulla le libertà individuali e la natura di libera rappresentanza del parlamento realizzando una “diarchia” tra re e capo del governo in cui quest’ultimo gode di un potere assoluto, e impone alla società con la forza una “fede fascista” che elabora una memoria nazional-imperiale e pretende la costruzione di un progetto di uomo nuovo fascista. La Repubblica, realizzata attraverso un processo fondato sulla sovranità del popolo e culminato nell’approvazione in Assemblea costituente della Costituzione democratica, è un regime di libertà e socialità ispirato da una memoria di “conquiste” e di “ferite” e da un “progetto” di società solidale, aperta all’integrazione europea e alla cooperazione mondiale. Essa è retta da una forma di governo pluralistica che articola molteplici centri di indirizzo politico e robusti organi di garanzia, tra i quali il Presidente della Repubblica è costituito come capo dello stato con funzioni di magistratura di influenza e di arbitrato e come rappresentante dell’unità nazionale. Il processo di attuazione e sviluppo dei principi repubblicani si è svolto nel tempo tra molteplici difficoltà, che hanno portato anche a momenti di arretramento e a crisi complesse, nelle quali si è rivelato anche uno spirito di “scetticismo costituzionale”. Un “credo repubblicano” sta però a fondamento della vita sociale come dovere di tutti i cittadini e in misura più esigente dei titolari di funzioni pubbliche e promette, se ben vissuto, un futuro di durata e di miglioramento dello stato della Repubblica.
 

NUMERO E ARGOMENTI:  

Cerca nel sito

I siti AIC

Ultimo fascicolo

Rivista AIC Fascicolo 04 2018

Newsletter della Rivista AIC

Per ricevere periodicamente aggiornamenti sulle nostre novità.
Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
banner cacuccied
banner giappichelli
banner
banner
banner

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.
Codice ISSN 2039-8298 (Online). La Rivista dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è inoltre registrata presso il Tribunale di Roma - n.339 del 05.08.2010.
Rivista trimestrale inclusa nella classe A delle Riviste scientifiche dell'Area 12 - Scienze giuridiche
Direttore Responsabile della Rivista AIC: Prof. Gaetano Silvestri
Direttori della Rivista AIC: Prof. Felice Giuffrè - Prof.ssa Elisabetta Lamarque - Prof. Alberto Lucarelli - Prof. Giovanni Tarli Barbieri


ilmiositojoomla.it